News

Adalberto Abbate_Firenze says a cura di Pietro Gaglianò_opening 25 gennaio_h. 18,30_SRISA Gallery of Contemporary Art

Adalberto Abbate presenta a Firenze una nuova tappa del suo percorso di indagine sui temi delle libertà civili, del ribellismo urbano, della libertà di espressione. Per la SRISA Gallery of Contemporary Art, l’artista lavora a una edizione site specific del progetto proposto nel 2010 a Palermo, nell’ambito della mostra “Rivolta” presso la galleria Francesco Pantaleone.

“Firenze says” riflette sulla capacità di autodeterminazione dei singoli e sulla volontà di espressione e opposizione che sottende l’azione di scrivere sui muri le parole del dissenso e della protesta. Senza assumere una posizione in merito ai messaggi dichiarati nelle scritte, senza esprimere un giudizio di carattere politico o morale, Abbate mette in rilievo il valore dell’azione: una alterazione del silenzio, vale a dire la manifestazione di dissenso da parte di “persone che, colma la misura, hanno qualcosa da dire, e che hanno scritto e scriveranno  ancora sui muri, che non hanno orecchie, ma che si ritrovano d’un tratto ad avere bocca e mente, idee e rabbia”.

“Firenze says” è la voce di una città nascosta e trasversale, una città che rivendica la propria presenza con caparbietà, sfidando le operazioni di ‘ripristino del decoro’ che periodicamente imbiancano i muri cittadini. Notoriamente gli statement sui muri non recano firme individuali, al massimo una sigla che dichiara l’appartenenza a un raggruppamento politico o ideologico. Negli scatti che lo ritraggono mentre mima l’azione di scrittura, l’artista presta un volto e una gestualità agli anonimi autori. La sua presenza non si appropria di un’azione, ma ne è il completamento e indica il bisogno di un’assunzione di responsabilità individuale. C’è, infine, un certo impulso all’archiviazione, alla sottrazione all’oblio di quella storia sociale secondaria scritta sui muri e poco amata dalle autorità.

Adalberto Abbate, nato nel 1975 a Palermo, dove vive e lavora, conta tra le mostre più recenti le personali “TUTTO DA RIFARE” (Fondazione Brodbeck, Catania, 2011) e “RIVOLTA” (Galleria Francesco Pantalone- Palermo, 2010); ha partecipato alla “Biennale di Alessandria”, e alle collettive “Archive Fever” presso galleria S.A.C.S. Museo Riso C/O Frigoriferi Milanesi, Milano; “Wunsch Ordnung”  alla Ausstellungsraum Klingental di Basilea; “Italian History X”, Sala Gatti, Viterbo; “La forma della relazione”, Fabbrica del Vapore, Milano; “VAF- Stiftung 19472010, percorsi riscoperti dell’arte italiana” Museo Mart Rovereto, Rovereto; “A rendezvous in Berlin”, 91mQ Art Project Space, Berlino; “Wunsch Ordnung”, Temporary Museum, Chiesa dei Crociferi, Palermo; “theWall (archives) #4, Archiviazioni, Lecce (nel 2011) e “Sweet Sheet moves to Modica“ Palazzo della cultura , Modica (RG); “La Scultura Italia del XXI Secolo”, Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano; “PPS- Paesaggio e Popolo della Sicilia” , Museo Riso Arte Contemporanea, Palermo; “Videocards/ The artist’s thoutght “, C.O.C.A., Center of contemporary arts, Modica (nel 2010).

da mercoledì 25 gennaio a venerdì 2 marzo 2012

Lunedi – Venerdi 10:00 – 21:00

Ingresso libero

SRISA Gallery of Contemporary Art – Santa Reparata International School of Art

Via San Gallo 53r, 50129 Firenze

055 4627374 – info@santareparata.org – www.santareparata.org/gallery/gallery_home.html

Related

No Comments

Leave a Reply

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close