News

regolette di convivenza civile

da piovono rane

Forse vanno ristabilite alcune regolette. Roba semplice, che magari potrebbe essere condivisa da ogni parte politica, ma che nel casino sembrano dimenticate.

Tipo: quando uno fa satira politica su un ministro, bella o brutta che sia la satira e chiunque sia il ministro, non esiste che tutti gli onorevoli e i Tg in coro strillino contro il vignettista. In una democrazia sana, il vignettista fa la satira che gli pare e i politici stanno zitti, punto, fine.

Oppure: quando uno fa il direttore del Tg1, non è come se facesse il direttore del Fatto o di Libero. Il Tg1 non è un giornale corsaro né d’opinione. E’ il Tg1, quindi di noi tutti, istituzionalmente, storicamente. Più ancora del Tg2 e del Tg3. Pertanto il direttore del Tg1 non può entrare a gamba tesa su una questione che vede una buona metà degli italiani pensarla all’opposto.

O ancora: se uno fa il sottosegretario ed è indagato per camorra, non può dire che non si dimette fino alla sentenza di terzo grado, perché le cariche (specie di governo) si occupano anche in base a un principio di opportunità politica che non dipende meccanicamente da una sentenza, ma da una serie di variabili più complesse. E se non può avere il certificato antimafia per mettere su un’impresa, tanto meno può stare al governo.

O infine: se un cittadino arrestato entra in una caserma o in un tribunale o in una galera, lo Stato ha il dovere di garantire la sua salute, e se è pure tossicomane e anoressico, ha il dovere di starci più attento, non meno attento.

Roba semplice, appunto, molto semplice. E soprattutto né di destra né di sinistra, ma solo civile.

Related

No Comments

Leave a Reply

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close