Eventi

08 Apr 2014

Scripta. L’arte a parole – Definitively Unfinished

Martedì 8 aprile ore 18.00 Marco Senaldi presenta DEFINITIVELY UNFINISHED. Filosofia dell’arte contemporanea_Guerini Edizioni

Nuovo incontro di Scripta dedicato agli interrogativi che l’arte pone quotidianamente a critici e filosofi.

A conversare con Pietro Gaglianò sarà Marco Senaldi, storico, critico d’arte e autore di programmi televisivi culturali,  che nel suo ultimo libro propone la costruzione e la ristrutturazione delle domande chiave sulla nozione di “arte”.

 

Il libro Che cos’è l’arte contemporanea? Quando è cominciata e perché è diversa dalle altre forme d’arte del passato?
Storici, critici e filosofi si sono interrogati intorno a questi quesiti, fornendo risposte diverse, spesso in contrasto fra loro, a conferma del fatto che l’arte attuale – intesa come impresa collettiva di riflessione non solo sulle forme espressive, ma anche sul proprio statuto ontologico, teorico ed estetico – è oggi più che mai viva. Eppure la vita dell’arte, come già ebbe a dire Hegel, è un continuo rifarsi, per abbatterli o per servirsene, a dei modelli provenienti dal passato storico (revival, remake, re-enactment…), dall’altrove geografico (primitivismo, orientalismo, post-colonialismo…) o dall’aldilà disciplinare (design, architettura, cinema…).

Ma soprattutto l’arte contemporanea appare come un susseguirsi di crisi catastrofiche, in apparenza tese all’autodistruzione; un’autodistruzione che tuttavia, sebbene portata a termine, incredibilmente non risulta mai definitiva. Per riprendere il celebre adagio di Duchamp, l’arte dei giorni nostri è dunque davvero Definitively Unfinished: testimone contraddittoria, ma ineliminabile, di un nuovo stadio dello spirito e della storia.

Una filosofia dell’arte contemporanea dovrebbe quindi configurarsi come un’azione radicale, un’azione che può anche risultare traumatica perché deve farsi carico di costruire e ristrutturare le domande chiave che riguardano precisamente la nozione di arte, ma che non può farlo se non implicando anche i fenomeni concreti, le occorrenze effettive (opere d’arte) che riempiono di contenuto quelle domande aprioristiche, e anche gli epifenomeni che attengono a questo campo (dalle istituzioni espositive, all’importanza della comunicazione di un evento artistico).

L’autore Marco Senaldi insegna storia dell’arte contemporanea e media presso lo iulm, Milano. Ha curato mostre di arte contemporanea come Cover Theory (catalogo Scheiwiller, 2003) e Il Marmo e la Celluloide (catalogo Silvana Editoriale, 2006); ha pubblicato fra l’altro: Enjoy! Il godimento estetico, Meltemi, 2003 (20062); Van Gogh a Hollywood. La leggenda cinematografica dell’artista, Meltemi, 2004 (20072); Doppio Sguardo. Cinema e arte contemporanea, Bompiani, 2008; Arte e Televisione. Da Andy Warhol a Grande Fratello, Postmediabooks, 2009. Suoi interventi e articoli sono apparsi su Il manifesto, Corriere della Sera, Flash Art, Interni, Around Photography, D – la Repubblica delle donne, Exibart; firma la rubrica «hostravistoxte» su Artribune; è stato autore televisivo di programmi culturali per Canale 5 e RaiTre.

Prossimi appuntamenti con scripta

13 maggio Anna Detheridge, Gli scultori della speranza, edito da Einaudi

 

9 giugno Maurizio Pallante, Sono io che non capisco. Riflessioni sull’arte contemporanea di un obiettore alla crescita, Edizioni per la decrescita felice

 

Gli incontri avranno inizio alle ore 18.00

 

 

Libreria Brac

via dei Vagellai 18r, Firenze

www.libreriabrac.net

info@libreriabrac.net – tel. (+39) 0550944877

Ufficio Stampa

Monica Zanfini

Comunicazione Ufficio Stampa-Eventi

Via dell’Osservatorio 36,  50141 Firenze

Tel. 055 452567; Mob. 338 8060156

monicazanfini@alice.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Related

No Comments

Leave a Reply

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close