Eventi

Brac’s art on table – Elisa Zadi

Il 2013 si conclude alla libreria Brac di Firenze con le opere di Elisa Zadi. Alla giovane artista di Arezzo, diplomatasi in pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze, il compito di illustrare questo
dicembre per il Brac’s Art on table, la “mostra orizzontale” della libreria Brac che vede ogni mese un artista protagonista nella creazione di 30 tovagliette per i tavoli del locale.
Gli sguardi penetranti dei volti di Elisa e i colori accesi dei suoi dipinti cattureranno i visitatori della libreria.
Accompagna la mostra un testo critico di Tiziana Tommei. Volto frontale a fissare lo spettatore con lo sguardo penetrante e disincantato dei suoi grandi occhi, Zadi si ritrae indagandosi in una pittura dai toni accesi, talvolta acidi e contrastati, definita secondo una tendenza assiomatica di costruzione della forma.
I volti sono sezionati e scolpiti da una pennellata di matrice cézanniana, reinterpretata in chiave introspettiva e vangoghiana. Immagini sospese, bloccate in una dimensione fuori dal tempo, in un
“non luogo”, uno spazio che è tutto mentale e appartenente al mondo interiore dell’artista. L’arte di Elisa Zadi è ansiogena e mette in scena una trasposizione solo apparente della realtà
fenomenica. Zadi scava, va in profondità, non alla ricerca di qualcosa di soprannaturale o spirituale, ma bensì di ciò che attiene intimamente all’essere. Dietro ai suoi volti, agli oggetti di
umana appartenenza, ai paesaggi antropizzati, corre uno spasmodico e incessante desiderio di cogliere l’essenza dell’esistenza.
L’identità come traguardo e al contempo punto di partenza di un sistema che rende la pittura uno strumento di approccio al reale e un mezzo per la determinazione del sé. Francis Bacon, Lucian Freud, Alberto Giacometti, Michelangelo Antonioni, Federico Fellini sono alcuni exempla di sensibilità e di restituzione del sentire umano in consonanza con la traduzione zadiana del peso della verità. Figure ieratiche e avvolte da una luce pierfrancescana, che non ammette ombre se non nel bagaglio delle cose inanimate (molte di guttusiana ascendenza) che parlano, come rebus, della persona a cui appartengono, sorta di vocaboli di un racconto metaforico e criptato. Il realismo magico di talune composizioni passa in secondo piano, di fronte alla forza di rappresentazione di un corpo così ferocemente investito dalla forte volontà di conoscenza e di presa di consapevolezza della profondità umana, divenendo così realismo esistenziale. Il soggetto umano è investito da una luce zenitale e come inserito improvvisamente in un set fotografico o spinto su di un palcoscenico con una luce puntata contro, inizialmente accecante, poi impietosa e cruda e infine capace di far emergere un substrato più vero della realtà stessa.
Elisa Zadi, nata ad Arezzo nel 1979, si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Firenze con Adriano Bimbi (Pittura).
Ha esposto in Toscana, in Italia e a New York.
Fra le ultime partecipazioni ricordiamo le mostre personali “Ascendenze: il gioco delle attese” presso la Galleria Nespolo Studio d’Arte 102 di Alessandria ; “Lo spazio abitato” presso Palazzo
Chianini Vincenzi nel comune di Arezzo e “mente quotidiana-mente, la figura allo specchio” nella Galleria Rielaborando di Arezzo che vengono curate da Daniela Meli; “In rappresentazione” curata
da Paola Vidari Coen, Teatro Cantiere Florida, Firenze; “Secretum” curata da Adriano Bimbi e Susanna Ragionieri, Palazzo dei Vicari, Scarperia (Fi).
Fra le principali collettive segnaliamo “Ogni tristo pensier caschi” curata da Claudio Giumelli, Villa Paolina Bonaparte, Viareggio (Lu); “L’Arto Fantasma” curata da Enrico Crispolti, presso la Fondazione Vacchi di Siena, “Arie del paesaggio” curata da Francesco Martani ospitata dal Museo d’Arte Moderna e Contemporanea Cà La Ghironda di Bologna e “Hills and heavens of the
Mugello”, curata da Giuseppe Cordoni e ospitata dal Micheal Shimmel Center di New York.
Libreria Brac
via dei Vagellai 18r, Firenze
www.libreriabrac.net
info@libreriabrac.net – tel. (+39) 0550944877
Ufficio Stampa
Monica Zanfini
Comunicazione Ufficio Stampa-Eventi
Via dell’Osservatorio 36, 50141 Firenze
Tel. 055 452567; Mob. 338 8060156
monicazanfini@alice.it

Related

No Comments

Leave a Reply

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close