Eventi

ven 17 dic 2010 h17 – Reading a cura dell’Associazione Scioglilibro: “Come sono nate le stelle” di Clarice Lispector

Dodici leggende (una per ogni mese dell’anno con un’affascinante, spiazzante Natività filtrata e rinnovata dallo stupore poetico di un narratore “lontano”) e tre storie raccontate da Clarice Lispector.
Una doppia sfida per me che  per la prima volta  traducevo Clarice e per la prima volta traducevo un libro per bambini. Un’esperienza iniziatica. Ho imparato che entrambe le cose richiedevano di entrare dentro quella cantilena, quel canto interiore, che è la scrittura per l’infanzia. Semplice e necessaria.
A popolare questo libro, pensato per l’infanzia ma in realtà capace di tenere avvinto un pubblico di tutte le età con le sue leggende piene di strampalate creature – tra  Curupira e Saci-Pererê – sono cani coraggiosi, tenere scimmiette e galline sceme. Cominci a leggere e subito la voce limpida e leggera della grande scrittrice brasiliana ti tira dentro al suo cerchio magico. Le sue parole divertite e sommesse sembrano capaci di trascendere i ceppi di una realtà troppo dura facendo incontrare e dialogare bambini, animali di casa,  alberi, nuvole e galline. E di questi incontri anomali ci resta dentro la malinconica allegria, il tratto più brasiliano di una  scrittrice sradicata, e forse proprio perciò in grado di ritessere un suo personalissimo tessuto dei sogni.
Apri il libro, ci entri dentro in punta di piedi, e subito sai di essere penetrato in un universo chiuso dove regna una sola verità: un patto di complicità assoluta col lettore, continuamente chiamato in causa per rispondere ai dubbi, alle curiosità e alle paure della scrittrice. E dell’interrogarsi e interrogare la vita l’autrice ha fatto la cifra di tutta la sua scrittura. Un’attitudine all’indagine intimista testimoniata anche  da libri preziosi come questo: un  manifesto dell’eccezionalità del quotidiano che Clarice riesce a trasmettere al suo interlocutore bambino.
Mistero e chiave nell’aria, l’ha definita Carlos Drummond de Andrade. Per me tradurla  è stato bello e difficile. Come  tradurre una raccolta di poesia.

Il Reading è presentato dall’Associazione Scioglilibro di Firenze per la Libreria Brac.

Come per le parole, “pronunciare” più volte un libro,
aiuta a svelarne nuove possibilità di suono e di significato.
Scioglilingua del narrare e del leggere:
così ci piace definirci, così ci piace presentarci.
Ecco perché Scioglilibro.
E poi, da ogni filo di senso che si dipana e si scioglie dalle pagine di un libro, nascono imprevedibili possibilità di incontro tra tutti coloro che vogliono condividere l’esperienza della lettura.
Il nostro obiettivo?
Sciogliere libri per annodare lettori

Related

No Comments

Leave a Reply

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close